In questo sito il protagonista sei tu.
Registrati ne Il Mondo Dei Librogames  
Login
Nome utente:

Password:

Ricordami

Hai perso la password?

Registrati ora!
Ricerca
Menu principale
Statistiche Utenti
Membri:
Oggi: 1
Ieri: 4
Totale: 1330
Ultimi: Cucciola78

Utenti Online:
Guests : 0
Membri : 30
Totale: 30
Lista utenti Online [Popup]
Utenti più attivi
1
lonewolf79
3954
2
FalcoDellaRuna
3427
3
Gurgaz
2622
4
Xion_Aritel
1734
5
=Dr.Scherzo=
1452
6
MetalDave
1262
7
Devil_Arhangel
1228
8
Skarn
1174
9
UomodiAnaland
1090
10
Federico
1025
Nuovi utenti
Cucciola78 12/11/2021
Alexthelord 20/5/2021
il_regno_di_Ozz 27/4/2021
riki25 11/4/2021
RangerDelSommerund 5/4/2021
Mirsea 28/3/2021
Marco 27/1/2021
Rinaldo 8/12/2020
giuseppe95 24/11/2020
Spymode 23/11/2020
Segnala messaggio:
 

Re: Recensioni dei libri

Oggetto: Re: Recensioni dei libri
inviato da Gurgaz il 5/1/2008 11:06:41

SIDDHARTA --- di Hermann Hesse

Qui abbiamo a che fare con uno dei romanzi più letti dai giovani, un libretto agile e denso di riflessioni affascinanti, vera e propria manna per gli studenti del liceo e per qualunque persona affascinata dai percorsi spirituali orientali, ma non è interessata ad approfondire troppo l’argomento. Quando ero a scuola molti compagni (per essere precisi compagne) di classe mi parlavano di questo romanzo, descrivendolo come un testo illuminante e fecondo. Allora le mie letture erano molto terra terra e ci sono voluti molti anni perché mi accostassi con serenità a qualunque tipo di testo. Così, nel 2006 ho scoperto nella libreria di casa mia una copia di Siddharta.

Scritto in Svizzera negli Anni Trenta, Siddharta racconta la vita dell’omonimo personaggio, il giovane figlio di un Brahmino, bello, intelligente, pieno di qualità, ma sotto le promettenti apparenze nasconde un cuore infelice, una mente cogitabonda anelante la verità. Decide perciò di abbandonare la casa del padre per cercare una risposta alla sua insoddisfazione, accompagnato dal fedele amico Govinda. Siddharta si dedica all’ascetismo, poi cerca il consiglio dell’illuminato Gotama; la mirabile dottrina del Buddha conquista Govinda, così Siddharta si ritrova completamente solo nella sua ricerca. Abbandonate le pratiche mistiche ed intellettuali, il giovane si getta nei piaceri materiali: diventa un mercante ricchissimo, sperpera in modo dissennato il proprio denaro e si intrattiene con l’affascinante cortigiana Kamala, che lo educa all’esercizio dell’amore. Dopo anni e anni, Siddharta si trova a non avere più alcuno scopo e sprofonda nella disperazione, finché tenta di annegarsi. In quell’oscuro frangente, viene colto da un’intuizione che lo riporta indietro di quarant’anni, lo rende di nuovo bambino e capace di apprezzare ed ascoltare il mondo nella sua unità. Aiutato dall’affabile barcaiolo Vasudeva, Siddharta si riaccosta alla natura e alla sapienza, riuscendo a superare sia la morte di Kamala sia l’odio che gli dimostra il figlio. Il libro si conclude con la fugace riunione di Siddharta e Govinda: il secondo è ormai un monaco, convinto di aver trovato l’illuminazione nella dottrina di Gotama; il primo, invece, ha vissuto ogni genere di esperienza. Le sue riflessioni, maturate durante una vita piena, riescono a dare a Govinda la stessa impressione di santità che lo aveva attirato verso il saggio Gotama.

Un libro che si legge in poche ore, scritto con una prosa elegante ma mai ridondante, è nello stesso tempo un romanzo ben scritto e un’istruttiva parabola filosofica. Mi chiedo se il motivo del suo successo presso i giovani sia il fascino dell’oriente unito alla bella scrittura, oppure i messaggi che si possono trovare al suo interno. Per quanto mi riguarda, la vicenda potrebbe essere ambientata in qualunque luogo; l’India dà alla vicenda il colore esotico e mistico, ma i pensieri di Siddharta sono quelli di tutti gli uomini “in ricerca”. Credo che molti si siano ritrovati in questo libro, rileggendo le domande che tante volte si erano posti, giungendo magari alle medesime risposte. Tuttavia Siddharta non dipinge un quadro sereno, lineare ed idilliaco della strada verso l’illuminazione; ne evidenzia fin troppo bene le difficoltà, i problemi, le miserie e le sofferenze. Un’altra domanda che mi pongo è questa: quanti giovani lettori hanno fatto propria la saggezza di queste pagine e quanti, invece, le hanno scorse cercandovi una parola consolatoria? È però difficile scoprire la risposta, perché pochi hanno il coraggio di ammettere pubblicamente la loro ricerca interiore.

Nella sua brevità è un libro che mette molta carne al fuoco, assolutamente meritevole di lettura. Lo consiglio a chi, come me, è nella costante ricerca di se stesso e di un senso profondo della vita. Lo raccomando anche a chi ama riflettere, ma trova i testi filosofici o religiosi troppo difficili da digerire; lo stile raffinato di Hermann Hesse è la soluzione ottima a questo tipo di problemi.
Annunci
copyright (c) 2006-2007 IMDL All right reserved