In questo sito il protagonista sei tu.
Registrati ne Il Mondo Dei Librogames  
Login
Nome utente:

Password:

Ricordami

Hai perso la password?

Registrati ora!
Ricerca
Menu principale
Statistiche Utenti
Membri:
Oggi: 1
Ieri: 4
Totale: 1330
Ultimi: Cucciola78

Utenti Online:
Guests : 0
Membri : 32
Totale: 32
Lista utenti Online [Popup]
Utenti più attivi
1
lonewolf79
3954
2
FalcoDellaRuna
3427
3
Gurgaz
2622
4
Xion_Aritel
1734
5
=Dr.Scherzo=
1452
6
MetalDave
1262
7
Devil_Arhangel
1228
8
Skarn
1174
9
UomodiAnaland
1090
10
Federico
1025
Nuovi utenti
Cucciola78 12/11/2021
Alexthelord 20/5/2021
il_regno_di_Ozz 27/4/2021
riki25 11/4/2021
RangerDelSommerund 5/4/2021
Mirsea 28/3/2021
Marco 27/1/2021
Rinaldo 8/12/2020
giuseppe95 24/11/2020
Spymode 23/11/2020
Segnala messaggio:
 

Re: Recensioni dei libri

Oggetto: Re: Recensioni dei libri
inviato da kingfede1985 il 7/1/2008 19:16:26

LA PIRAMIDE DI ATLANTIDE --- di Thomas Greanias

Conrad Yeats è un archeo-astronomo inviso alla comunità scientifica per le sue bizzarre teorie sull'evoluzione della civiltà e per i suoi limitati scrupoli morali nel dimostrare le sue teorie. D'improvviso, però, gli si presenta una possibilità insperata di dimostrarle. Il padre adottivo, il generale Yeats, lo convoca per indagare su un ritrovamento a dir poco straordinario: una gigantesca piramide, in tutto e per tutto simile alla Grande Piramide di Giza ma ancora più gigantesca, sepolta fra i millenari ghiacciai dell'Antartide! Ma l'esercito degli Stati Uniti non è l'unico organismo a conoscenza del ritrovamento: anche il Vaticano è interessato alla scoperta, e il Papa in persona decide di inviare sul posto Serena Serghetti, brillante ex suora, diventata famosa sulla stampa mondiale come "Madre Terra" per il suo impegno in campo ambientalistico. Ma ci sono anche altre organizzazioni interessate alla scoperta...

Il filone è quello arcinoto del thriller storico: incredibile scoperta archeologica, indagine, lotta fra fazioni avverse ecc.
Qui, tuttavia, il tutto è condito da un indubbio rigore scientifico, anche se non certo "tradizionale", e da una discreta preparazione teorica dell'autore, il debuttante Greanias, che si è evidentemente fatto le ossa sugli ottimi saggi di archeo-astronomia di Bauval e Hancock. Appare evidente la conoscenza di Greanias di Il Mistero di Orione (1994), in cui i due ingegneri discutono la possibilità che sussista un preciso legame fra la struttura interna dell Grande Piramide, la configurazione geografica delle Piramidi di Giza e altri siti archeologici coevi, e alcune costellazioni, in particolare Orione e il Cane Maggiore. È palese anche che Greanias conosce direttamente le teorie storico-geologiche di Charles Hapgood, ideatore della controversa teoria della cosiddetta "dislocazione della crosta terrestre" (che convinse a suo tempo anche un certo Albert Einstein), il quale viene citato anche direttamente nel romanzo. Il tutto rende la storia molto più verosimile di quanto il debole pretesto iniziale non lasci supporre.

Lo stile lascia forse a volte un po' a desiderare, è troppo frammentario nelle descrizioni e un po' confuso quando il ritmo della narrazione diviene più incalzante, ma il romanzo, che in fin dei conti non è nemmeno troppo lungo, cosa che in opere di questo filone è spesso indice di verbosità e finisce per rendere le opere sommamente noiose, e riesce in ogni caso a prendere un lettore "goloso".

Consigliato a chi ama il genere più diffuso del momento, e come regalo post-festivo per chi vuole provare qualcosa di diverso dalle solite fotocopie mal riuscite de "Il Codice Da Vinci".
Annunci
copyright (c) 2006-2007 IMDL All right reserved