In questo sito il protagonista sei tu.
Registrati ne Il Mondo Dei Librogames  
Login
Nome utente:

Password:

Ricordami

Hai perso la password?

Registrati ora!
Ricerca
Menu principale
Statistiche Utenti
Membri:
Oggi: 0
Ieri: 3
Totale: 1315
Ultimi: Perfidoalino

Utenti Online:
Guests : 0
Membri : 29
Totale: 29
Lista utenti Online [Popup]
Utenti più attivi
1
lonewolf79
3954
2
FalcoDellaRuna
3427
3
Gurgaz
2622
4
Xion_Aritel
1733
5
=Dr.Scherzo=
1452
6
MetalDave
1261
7
Devil_Arhangel
1228
8
Skarn
1174
9
UomodiAnaland
1090
10
Federico
1025
Nuovi utenti
Perfidoalino 14/6/2020
fobos88 27/5/2020
disperados 18/5/2020
Gabrim 9/5/2020
vindice 7/5/2020
Carlo 30/4/2020
fenice1972 26/4/2020
perryclo 20/4/2020
Rollerwise 15/4/2020
Tuttofinito 10/4/2020
Segnala messaggio:
 

Re: nuove recensioni

Oggetto: Re: nuove recensioni
inviato da Rygar il 7/1/2010 0:22:07

Citazione:
L'unico problema che ci trovo è quella parte "accademica" all'inizio: personalmente trovo fastidiosissimo, e anche un po' svilente, analizzare un'opera rifacendosi a classificazioni e schemi codificati. Come quando qualcuno scrive di videogiochi e mi cita continuamente Huizinga e McLuhan, per intenderci. La mia domanda è: c'era bisogno di fare la lezioncina con i termini inglesi tra parentesi?


A dire il vero il mio era un tentativo di argomentare, di mostrare tutti gli elementi a sostegno della mia tesi. La parte accademica la ho aggiunta proprio per fare vedere come Brennan parta da un sentiero battuto e poi vada allegramente per conto proprio, non certo per analizzare il libro basandomi sui dei rigidi canoni.
I termini in inglese mi parevano carini e ormai li trovo utilizzati anche in testi italiani, perché non sempre nella nostra lingua esiste un termine corrispondente e si è costretti ad utilizzare una perifrasi (come quando si parla di jet lag); non pensavo risultassero pedanti.

Comunque nel frattempo ho inserito la recensione per Caccia al Drago, scusate il ritardo.
Annunci
copyright (c) 2006-2007 IMDL All right reserved