In questo sito il protagonista sei tu.
Registrati ne Il Mondo Dei Librogames  
Login
Nome utente:

Password:

Ricordami

Hai perso la password?

Registrati ora!
Ricerca
Menu principale
Statistiche Utenti
Membri:
Oggi: 4
Ieri: 5
Totale: 1330
Ultimi: Cucciola78

Utenti Online:
Guests : 0
Membri : 31
Totale: 31
Lista utenti Online [Popup]
Utenti più attivi
1
lonewolf79
3954
2
FalcoDellaRuna
3427
3
Gurgaz
2622
4
Xion_Aritel
1734
5
=Dr.Scherzo=
1452
6
MetalDave
1262
7
Devil_Arhangel
1228
8
Skarn
1174
9
UomodiAnaland
1090
10
Federico
1025
Nuovi utenti
Cucciola78 12/11/2021
Alexthelord 20/5/2021
il_regno_di_Ozz 27/4/2021
riki25 11/4/2021
RangerDelSommerund 5/4/2021
Mirsea 28/3/2021
Marco 27/1/2021
Rinaldo 8/12/2020
giuseppe95 24/11/2020
Spymode 23/11/2020
Segnala messaggio:
 

Re: Naradian - info e domanda

Oggetto: Re: Naradian - info e domanda
inviato da Aloona il 15/11/2007 19:35:41

Bene... vi prego di PERDONARMI, se per fare prima copierò il post fatto di là:

Questa è la storia a GRANDI LINEE:

Benvenuti nelle desolate e cupe terre dove tutto ha inizio.

Duecento anni di guerre, dopo la fine del tentativo di impero da parte del precedente "tiranno" conquistatore hanno segnato tragicamente almeno 3 dei continenti abitati noti. Evocazioni e sconsiderato utilizzo di poteri ignoti, nonché il frequente ricorso a creature aliene d'altri piani hanno lasciato ai loro abitanti un'eredità fatta di creature pericolose ed in gran parte misteriose.
Molte di esse sconosciute, vociferate e temute, strisciano sulla terra e nei mari; altre, note e spesso utilizzate, come gli strani semi-rettili volanti tuttora buoni mezzi di trasporto per chi riesca a domarne, sono più o meno integrate con l'ambiente, pur se con le dovute riserve da parte della gente semplice... che paga più spesso il prezzo della loro fame e selvaticità.

Gran parte delle terre è costituito da arcipelaghi di isole o grandi isole collegate alla terra ferma o alle altre non senza difficoltà nel corso di millenni, quando non naturalmente.
Il territorio è vasto, aspro, continuamente vessato dallo strano mutare del clima in molte zone. Poche ed ambite sono rimaste quelle dove la natura sta riuscendo lentamente a sistemare i danni. La luce crepuscolare dei due soli distanti non basta a fugare freddo e carestia ancora per la maggior parte della popolazione.
Altri segni delle guerre sono le disposizioni delle cittadine in cui la situazione politica attuale si frammenta: quasi tutte hanno assunto la forma di cittadelle fortificate, sviluppate per lo più in altezza, per difendersi da attacchi e creature.
In esse, con la morte del tiranno, spadroneggiano o sopravvivono ex nobili, piccoli o più o meno rilevanti signorotti... coloro che dei vecchi capi di una fazione o l'altra sono sopravvissuti per radunare genti al sicuro o sfruttare la situazione per acquisire relativo potere. Gli scontri sono frequenti, sia per ragioni di potere che di vecchie posizioni durante le guerre.

In questo panorama, nell'isola di Nara del piccolo arcipelago del Mare della Caduta, si è stabilita e prosegue a vivere quasi indisturbata da oltre 80 anni la "Sorellanza Naradian": nata nel corso delle guerre dalla leggendaria fondatrice, una regina guerriera che resistette al nemico dopo la morte del suo re e radunò le donne rimaste sole ed indifese per farne un disciplinato gruppo di combattenti, in grado di sfruttare poteri appresi dalla stessa sovrana.
Con il tempo, la degenerante situazione post-bellica e la necessità di preservare le proprie faccende interne ed i propri insegnamenti riservati alle sole sorelle, hanno portato le Naradian ad un'isolamento sempre maggiore, di pari passo con la crescita delle loro capacità... e la curiosità del mondo esterno. Restano comunque figure temute e rispettate, di grande effetto specie sulle genti comuni, per l'importante ruolo avuto nella caduta del nemico.
Molti dei piccoli regnanti le vorrebbero distrutte per la presunta arroganza, molti desidererebbero apprendere le loro discipline: tutti, indistintamente, conoscono il valore di una Naradian esperta e non di rado ne richiedono i servigi di combattenti, scorte e conoscitrici di potere, nei casi di urgente bisogno.

Il tuo viaggio inizia nei panni di una giovane Naradian, alla sua prima missione come scorta di un nobilotto, diretto verso una delle varie fortezze dell'est per affari "politici".

Durante il viaggio, nel quale avverranno inevitabili scontri contro nemici umani e creature selvagge in difesa del tuo protetto, scoprirai sul nuovo tiranno che si vocifera stia sorgendo a suon di promesse e rappresaglie nelle varie città, dove già molti sono stati rapiti e probabilmente resi schiavi delle sue fila. Così come del potere da lui utilizzato.
Con la morte del nobile ed il fallimento della tua missione verrai però in possesso di prove sull'esistenza di un'adunanza anche delle terre dell'ovest e dell'est per unirsi all'emergente tiranno, in cambio di concessioni e potere o per semplice timore.
Rifiutandoti all'idea di tornare nell'isola senza aver adempiuto il tuo dovere, data anche la giovane età, deciderai di partire tu stessa per raggiungere gli altri di cui le prove trovate addosso al nobile fanno menzione (almeno, danno indicazione) e scoprire cosa stia succedendo.

Tralascio, per ora i dettagli del resto dell'avventura, limitandomi a segnare i punti chiave, cioè che ad emergere non sarà soltanto il dubbio che il "nemico" di cui si parla potrebbe, in effetti, essere motivato non soltanto dalla personale ambizione, ma da quella di ricreare ordine... anche se con mezzi terribili... in una terra dove salteranno sempre più ai tuoi occhi le miserie della divisione e della meschinità nobiliare; sarà anche il segreto della fonte di potere delle Neradian, da te tutta la vita considerate integerrime... forse la stessa che il tiranno ha intenzione di sfruttare per i suoi scopi e pericolosa quanto inquietante, perché attinta da piani che non è lecito toccare.
Udito abbastanza dai cospiratori sul tiranno e venuta a conoscenza, non senza rabbia ed incredulità, di questo presunto segreto alla base della tua stessa, unica "famiglia", tornerai all'isola in cerca di spiegazioni... e dovrai affrontare una delle tue stesse maestre anziane, per sopravvivere alla scoperta, che deve restare un segreto ed è già costata la vita di un'altra Naradian.

Il resto è fuga da tutto ciò che conoscevi, per accogliere l'appello delle genti incontrate e dei compagni trovati lungo l'avventura ed aiutare infine a sconfiggere il tiranno. Tu sola puoi farlo, perché tu sola conosci ora lo stesso potere che possiede.

***

L'atmosfera è pensata per mantenere un certo tono cupo, soprattutto grazie all'ambiente, al clima freddo e mutevole e alle creature semi-rettili volanti usate come cavalcature. Ed altre amenità. Intervallerei con momenti più "solari", per esempio qualche passaggio della Neradian in cittadine-fortezza nelle quali la fama delle guerriere emerge dalla reazione della gente e da inviti a celebrazioni nobiliari. Nel corso di queste si potrebbero anche udire i primi dettagli sull'ascesa del vociferato nemico e far emergere il desiderio bramoso di qualcuno nel voler sapere di più riguardo la sorellanza.

L'IDEA è quella di dividere la storia in 2 o 3 libri: il primo viaggio con la morte del nobile e la scoperta del complotto.

Il 2 viaggio verso i cospiratori, la scoperta di molte cose sul tiranno e la partecipazione almeno ad una rappresaglia in una città, dove combattere per non finire schiavi e liberare altri innocenti... compreso il compagno (se ce lo vogliamo mettere) che resterà con te nel resto dell'avventura o parte di essa. Il combattimento con la maestra.

Il 3 dovrebbe essere tutto rivolto al viaggio verso il tiranno e l'utilizzo dell'oggetto/arma in grado di richiamare il potere per sconfiggerlo.


Insomma, di cose da fare ce ne sono TANTE. Il mio tempo è poco, quindi non procederò speditissima e apprezzerei TANTISSIMO qualsiasi aiuto in merito.
Annunci
copyright (c) 2006-2007 IMDL All right reserved