In questo sito il protagonista sei tu.
Registrati ne Il Mondo Dei Librogames  
Login
Nome utente:

Password:

Ricordami

Hai perso la password?

Registrati ora!
Ricerca
Menu principale
Statistiche Utenti
Membri:
Oggi: 2
Ieri: 5
Totale: 1315
Ultimi: Perfidoalino

Utenti Online:
Guests : 0
Membri : 27
Totale: 27
Lista utenti Online [Popup]
Utenti più attivi
1
lonewolf79
3954
2
FalcoDellaRuna
3427
3
Gurgaz
2622
4
Xion_Aritel
1733
5
=Dr.Scherzo=
1452
6
MetalDave
1261
7
Devil_Arhangel
1228
8
Skarn
1174
9
UomodiAnaland
1090
10
Federico
1025
Nuovi utenti
Perfidoalino 14/6/2020
fobos88 27/5/2020
disperados 18/5/2020
Gabrim 9/5/2020
vindice 7/5/2020
Carlo 30/4/2020
fenice1972 26/4/2020
perryclo 20/4/2020
Rollerwise 15/4/2020
Tuttofinito 10/4/2020

Naviga in questa discussione:   1 Utenti anonimi





Gone Baby Gone (2007)
Maestro
Iscritto il:
3/2/2007 15:24
Da Lombardia
Messaggi: 1452
Livello : 32
HP : 0 / 790
MP : 484 / 31714
EXP : 61
Offline
Sinossi: Patrick Kenzie (Casey Affleck), giovane detective privato di Boston, viene contattato dagli zii di Amanda McCready, una bambina di quattro anni recentemente scomparsa, i quali vogliono che lui lavori al fianco delle forze dell'ordine per ritrovarla. Assieme ad Angie Gennaro (Michelle Monaghan), sua socia nonché compagna di vita, e nonostante la contrarietà di Jack Doyle (Morgan Freeman), capo della polizia, Patrick inizia le ricerche, coadiuvato da due esperti poliziotti, Remy Bressant (Ed Harris) e Nick Poole (John Ashton). L'indagine, tuttavia, si rivelerà più difficile ed oscura di quanto chiunque possa sospettare, e finirà col toccare profondamente l'animo dei protagonisti.

Ben Affleck, celebre attore-giuggiolone dall'espressività latente, passa dietro la telecamera e colpisce nel segno, sfornando a sorpresa un lavoro degno di nota. “Gone baby Gone”, tratto dall'omonimo romanzo dell'abile scrittore Dennis Lehane (autore anche di 'Mystic River'), si dimostra infatti una pellicola ben riuscita, dai ritmi sapientemente calibrati e dalla solida trama, supportata da un buon cast.

A differenza di una quantità di altre trasposizioni cinematografiche, la struttura originale del libro viene in gran parte rispettata, ed a giovarne ne è sicuramente l'impianto narrativo, che regge comunque bene anche di fronte alle necessarie modifiche ed agli inevitabili tagli (chi ha letto il libro noterà di certo la mancanza di alcune scene, il curioso cambio di alcuni nomi - tra cui Broussard-Bressant, e la trasformazione di alcuni personaggi, primo fra tutti Bubba Rogowski, che nel film ha tutto sommato poco senso, mentre nei romanzi di Lehane è una figura di notevole spessore, un 'gigante buono' che agisce al di là delle regole e che è temuto da tutti i criminali).
Affleck mantiene intatti i punti-chiave del racconto, facendo vorticare attorno ad essi volti, luoghi, nomi e situazioni, cosa che in alcuni tratti potrebbe far girare un pizzico la testa. Per chi ha avuto l'occasione di leggere “La Casa Buia” (titolo in italiano del racconto da cui è tratto il film), ovviamente, è ben più facile seguire il dipanarsi della vicenda, che a volte – per chi non l'ha letto - potrebbe apparire un po' nebbiosa.
La presenza di un doppio colpo di scena verso la fine, tra l'altro, mi spinge a suggerire a tutti i potenziali spettatori di evitare, se possibile, pericolosi cali d'attenzione, pena il non capire pienamente la portata degli eventi narrati ed il pregevole incastro creato dal buon Lehane.

Colpevolmente e pesantemente sottovalutato dai media italiani, sempre pronti a gridare al miracolo per ogni 'menata esistenziale' del Muccino di turno ma poco propensi a dare un'opportunità a quei prodotti che hanno il pregio di far riflettere, “Gone Baby Gone” gioca moltissimo sull'etica e sulla morale, sollevando dubbi che possono intrattenere le menti ricettive per serate intere.
Il finale, volutamente agrodolce, invita infatti alla riflessione, spingendo lo spettatore volonteroso a domandarsi quale sia il vero significato delle parole “giustizia” e “bontà”, e se le due cose siano sempre conciliabili.

Dal momento che per me ogni film che costringe chi lo guarda a porsi domande ed a pensare è un buon film, il mio giudizio non può che essere positivo.

Voto: 7 (in alcuni punti pare perdersi, ma la trama costruita da Lehane è una garanzia)

Inviato il: 20/9/2009 23:49

Ultima modifica di =Dr.Scherzo= il 21/9/2009 11:27:42
_________________
Il Sonno Della Ragione Genera Mostri (Francisco Goya)
Trasferisci l'intervento ad altre applicazioni Trasferisci






Puoi vedere le discussioni.
Non puoi inviare messaggi.
Non puoi rispondere.
Non puoi modificare.
Non puoi cancellare.
Non puoi aggiungere sondaggi.
Non puoi votare.
Non puoi allegare files.
Non puoi inviare messaggi senza approvazione.

[Ricerca avanzata]


Annunci
copyright (c) 2006-2007 IMDL All right reserved