In questo sito il protagonista sei tu.
Registrati ne Il Mondo Dei Librogames  
Login
Nome utente:

Password:

Ricordami

Hai perso la password?

Registrati ora!
Ricerca
Menu principale
Statistiche Utenti
Membri:
Oggi: 12
Ieri: 10
Totale: 1217
Ultimi: Petalino10

Utenti Online:
Guests : 0
Membri : 19
Totale: 19
Lista utenti Online [Popup]
Utenti più attivi
1
lonewolf79
3952
2
FalcoDellaRuna
3427
3
Gurgaz
2622
4
Xion_Aritel
1733
5
=Dr.Scherzo=
1452
6
MetalDave
1261
7
Devil_Arhangel
1228
8
Skarn
1174
9
UomodiAnaland
1090
10
Federico
1025
Nuovi utenti
Petalino10 13/1/2018
Francine84 10/1/2018
Moloch_ 7/1/2018
Belial91 19/12/2017
andycapp 26/11/2017
Bomma 12/11/2017
Belthy 11/11/2017
Rodio 29/10/2017
Enrico80 23/10/2017
Albi 16/10/2017

Indice principale : Librogame E.L. - Singoli Libri : Avventure Stellari : 

Categoria: Librogame E.L. - Singoli Libri Avventure Stellari
Titolo: 01 - Pianeti in Pericolo  Piu' letteValutazione: 4.75  Letture:2584
Descrizione   Christopher Black
Descrizione   Il tuo obiettivo è mettere in salvo il Graviton, un dispositivo in grado di distruggere tutti i mondi conosciuti. Vuoi recuperare il Graviton prima che cada in mani nemiche? Vai a pag. 78. Oppure preferisci attaccare subito la base dei pirati interstellari? Allora vai a pag. 56. Insieme al fedele robot Tor-2 puoi partire subito per la tua missione, ma attento: è in gioco la tua vita.
Valutazione media: (1) (10)
Data pubblicazione 22/11/2007
Inviata da: Gurgaz il 23/1/2007
Valutazione generale: Valutazioni di categoria: 4 4
Descrizione
     Titolo originale: Planets in Peril
Autore: Christopher Black
Anno: 1984
Illustrazioni: Maelo Cintron
Traduzione italiana: Francesca Gregoratti (1986)

Avventure Stellari inizia con una storia piuttosto confusa, priva di un vero filo conduttore. La prima missione consiste nel proteggere la base industriale Cosmos dall’attacco dei pirati interstellari, guidati da Rollo Scarp. A bordo di Cosmos è stato messo a punto un congegno che non deve cadere nelle mani sbagliate, perché consentirebbe ai banditi di distruggere in un batter d’occhio interi pianeti.

Nonostante sia indispensabile mettere al sicuro questo fantomatico Graviton, la prima alternativa è tra il teletrasporto su Cosmos e l’investigazione riguardo alla presunta invasione di Mindor 6. Non c’è alcun motivo per andare su un altro pianeta, proprio mentre Scarp attacca la base dove si trova il Graviton! Da questo si dovrebbe capire la curiosa logica che permea il librogame. Scegliendo di restare su Cosmos si affronterà Scarp e la sua astronave, la Stella Nera; su Mindor 6 si finirà per funestare i piani di un altro personaggio, Slee di Zard, per nulla legato alla faccenda del Graviton.

Sebbene contrastare un conquistatore di mondi sia un’iniziativa encomiabile, non capisco come si possa introdurre la missione in un certo modo e poi divagare in tutta libertà. Inoltre, l’organizzazione dei bivi e lo svolgimento delle varie strade è assai discutibile: spesso vengono premiati comportamenti vigliacchi, come abbandonare la bella Bishra nel pericolo, oppure una scelta è sufficiente ad alterare la natura di certi personaggi, in un caso provvidenziali soccorritori, nell’altro indegni voltagabbana. Mi piacerebbe chiedere all’autore il senso di tutto ciò, perché da solo non riesco a trovarlo.

Ritegno Pianeti in Pericolo un pessimo librogame, illogico in più punti, ingiustamente punitivo e caotico all’inverosimile. Per non parlare delle figure barbine che fanno i cattivi, visti gli “ingegnosi espedienti” messi in atto per catturarli! In teoria, il primo capitolo di una serie dovrebbe contenere un sacco di idee meditate a lungo; in questo caso sono poche e sconnesse. Discrete le illustrazioni.

Ambientazione: 6
Stile di scrittura: 6
Bilanciamento: 4
Interattività: 4
Aspetto grafico: 7

Voto complessivo: 4
Difficoltà: bassa

Inviata da: lonewolf79 il 9/9/2007
Valutazione generale: Valutazioni di categoria: 3 3
Descrizione
     Titolo Italiano:Pianeti in Pericolo


Titolo originale: Star Challenge- Planets in Peril


Autore: Christopher Black


Illustratore: Maelo Cintron


L' unico elemento che mi ha fatto apprezzare un po' ( e sottolineo un po') questo volume , sono le illustrazioni. Abbastanza gradevoli.
Il resto del librogame presenta una serie di stupidate notevoli.

La missione consiste nel proteggere la base industriale Cosmos dall’attacco dei pirati interstellari, guidati da Rollo Scarp. A bordo di Cosmos vi è un congegno che non deve finire nelle mani dei pirati in quanto gli consentirebbe di distruggere interi pianeti.

Il punto è che, fin dall' inizio, il libro presenta una completa confusione e stupidità totale. Scegliamo se stare su Cosmos o farsi portare da un' altra parte per investigare su una invasione di Mindor 6.

Ora la domanda: se devo difendere questo congegno, perchè vi è la scelta di andare a girovagare in un altro posto che non c' entra niente con la missione?
Un bel applauso per questa scelta.

La linearità della storia è pessima,ovvero è quasi inesistente. Se si fa una scelta discutibile si viene premiati (?????), i personaggi cambiano personalità come psicopatici.....a seconda delle nostre scelte.
Capisco che sia difficile far partire una serie con il piede giusto ma far un po' di meglio no?
Dopotutto il librogame lo paghiamo......



Interattività (cioè quanto il LG sfrutta le potenzialità a sua disposizione): 3
Stile di scrittura (quanto l'autore sa coinvolgere per qualità letteraria): 6
Ambientazione (quanto l'autore sa coinvolgere per la ricchezza dei luoghi e dei fatti): 6
Bilanciamento (equilibrio tra le regole e l'effettiva difficoltà): 2
Grafica: 7
Voto complessivo: 3++

Difficoltà: Tra l' asilo e la scuola elementare.


Inviata da: EGO il 25/5/2008
Valutazione generale: Valutazioni di categoria: 6 6
Descrizione
     Briefing della missione: la base industriale Cosmos è nel mirino di Rollo Scarp, un noto pirata spaziale. L’obiettivo di Scarp è il Graviton, una sostanza in grado di aumentare la massa dei pianeti trasformandoli in buchi neri. Il nostro compito è quello di impedire a Scarp di impadronirsi del Graviton.

Tuttavia il particolare di questo primo volumetto di Avventure Stellari è che la missione principale costituisce solo uno dei filoni della storia. Spesso il libro viene denigrato proprio per questo motivo, perché parte da un presupposto e poi lo sconfessa, dato che la maggior parte delle imprese che ci offre non ha nulla a che vedere con il compito affidatoci dal capitano Polaris. Però, se è vero che l’iniziale promessa non viene mantenuta, è anche vero che in realtà il contenuto del libro è coerente col titolo: Pianeti in pericolo, appunto, perché ce n’è più di uno.

La struttura del volume è a mio parere la migliore di tutti quelli pubblicati in Italia, perché si estende in verticale piuttosto che in orizzontale, proponendo quattro filoni principali di discreta lunghezza: il percorso più lungo dura ben 21 paragrafi, il record della serie. Questo permette alle storie di avere una durata e una coerenza apprezzabili, pregi che si aggiungono alla gradevolezza di questi piccoli racconti. Uno di essi, quello che punta subito al Graviton, naturalmente porta ad incrociare la strada di Rollo Scarp e a sventarne i piani, in uno scontro diretto oppure dopo una battaglia spaziale. Il secondo percorso, che si stacca dalle stesse radici del precedente, conduce invece su un pianeta di Mutanti che hanno bisogno di un prezioso manufatto per ricostruire la loro civiltà decaduta.
Se invece all’inizio si sceglie di andare sul pianeta Mindor 6, presso Cosmos, le possibilità sono due: si può mettere fine alla carriera criminale del malvagio Slee di Zard, un cattivo decisamente più convincente di Scarp (nonché dotato di un nome migliore), oppure si finisce nella trama più lunga e interessante, che porta su un pianeta sconosciuto pieno di incontri e trappole.

Trovo che tutti questi filoni siano ben ideati e realizzati; inoltre, la loro lunghezza fa in modo che questo sia un librogame che premia più di quanto punisce, perché finali negativi e positivi sono ben distribuiti e le scelte hanno una certa logica di fondo: è vero che ci sono un paio di bivi casuali (destra o sinistra? verticale o orizzontale?), ma nella quasi totalità dei casi una scelta compiuta alla cieca non porta alla sconfitta, bensì ad un nuovo percorso. Sono dell’idea che questa sia la migliore impostazione da dare a un librogame con questo tipo di struttura.

Benché non ci sia granché di speciale da trovare in Avventure Stellari, Pianeti in pericolo per me è molto carino. Le storie raccontate sono belle e hanno un minimo di tensione e atmosfera, e non ci sono le deliranti idiozie che si trovano nei volumi successivi. Inoltre le illustrazioni sono in assoluto le migliori di tutta la serie, grazie anche a un paio di donnine davvero niente male.

Inviata da: AleXXX il 11/7/2011
Valutazione generale: Valutazioni di categoria: 6 6
Descrizione
     Premessa: vorrei aggiungere qualcosa alle recensioni precedenti, in quanto potrebbero scoraggiare la lettura di un librogame ( al secolo Avventure stellari 1) che non è affatto orribile come descritto dai primi 2 recensori

Start: Avventure stellari 1 si presenta come un librogame assolutamente originale e fuori dalle righe, la lettura appare piacevole e molto scorrevole, ma la brevità dei racconti ( perchè di racconti brevi si tratta) potrebbe far storcere il naso da chi si aspetta una storia lunga in stile Lupo Solitario.

Innanzitutto dovremo affrontare una missione principale ma ci verranno offerte altre 3 secondarie che potremo scegliere semplicemente dopo aver terminato quella di maggior priorità.
Anzi no, le potremo affrontare anche fregandoci di quella principale, perchè la libertà e il fattore sorpresa sono parte integrante di questo librogame, quindi se ci aspettiamo un racconto lineare e scelte morali scontate, beh, potremmo avere delle sorprese e ciò a mio avviso può essere un bene.
Le illustrazioni sono molte e di buona fattura, la saga trae ispirazione ai capolavori del tempo ( le citazioni al primo Guerre stellari e alla Morte Nera in particolare, nonchè Star Trek sono palesemente presenti durante la lettura e secondo me possono fare molto piacere) e alcune armi rievocano quelle degli anni 80 se non 70 e per alcuni nostalgici potrebbero strappare più di un sorriso.
Divertente anche la possibilità di totalizzare un punteggio più o meno alto a seconda di come abbiamo sviluppato il nostro percorso.

A chi consiglierei questo librogame:
- a chi ne ha letti tanti e carca qualcosa di originale
- a chi piacciono le storie brevi e vorrebbe leggere un librogame con 4 trame completamente differenti ( in realtà si tratta di 4 librogame differenti!)
- chi è affascinato da un un background spaziale ben caratterizzato

Conclusioni: un librogame originale, da leggere prima di bocciare a priori, potrebbe anche regalare una mezzora divertente!

Difficoltà: variabile ( a mio avviso va intesa nel totalizzare molti punti nelle primissime partite)
caratterizzazione background: 7
caratterizzazione nemici: 6,5
interattività: 5
grafica: 7,5
voto complessivo: 6

Informa un amico | Segnala link interrotto

Pubblicità Recensioni
copyright (c) 2006-2007 IMDL All right reserved