In questo sito il protagonista sei tu.
Registrati ne Il Mondo Dei Librogames  
Login
Nome utente:

Password:

Ricordami

Hai perso la password?

Registrati ora!
Ricerca
Menu principale
Statistiche Utenti
Membri:
Oggi: 2
Ieri: 12
Totale: 1254
Ultimi: dhell

Utenti Online:
Guests : 0
Membri : 50
Totale: 50
Lista utenti Online [Popup]
Utenti più attivi
1
lonewolf79
3954
2
FalcoDellaRuna
3427
3
Gurgaz
2622
4
Xion_Aritel
1733
5
=Dr.Scherzo=
1452
6
MetalDave
1261
7
Devil_Arhangel
1228
8
Skarn
1174
9
UomodiAnaland
1090
10
Federico
1025
Nuovi utenti
dhell 15/10/2018
Ray76it 30/9/2018
massiccio 15/9/2018
Sa.sa. 2/9/2018
fra_umakiwe 2/9/2018
mondi 1/9/2018
MarcelinoB 29/8/2018
HenryNunle 21/8/2018
Skarvench 14/8/2018
Massi79 14/8/2018

Indice principale : Librogame E.L. - Singoli Libri : Ninja : 

Categoria: Librogame E.L. - Singoli Libri Ninja
Titolo: 02 - Assassino!  Piu' letteValutazione: 7.33  Letture:1901
Descrizione   Mark Smith e Jamie Thomson
Descrizione   Finalmente hai recuperato le Pergamene di Kettsuin, e il tuo dio Kwon ti appare circonfuso da un’aureola di luce: ma non è ancora giunto per te il momento di sapere chi era il tuo vero padre... per adesso il tuo compito è di raggiungere l’Isola Mistica dei Sogni Tranquilli. Tuttavia sarà un viaggio che riserverà molte sorprese...
Valutazione media: (1) (10)
Data pubblicazione 20/2/2007
Inviata da: lonewolf79 il 19/6/2007
Valutazione generale: Valutazioni di categoria: 7 7
Descrizione
     Titolo Italiano: Assassino!


Titolo originale: The Way of the Tiger - Assassin!


Autore: Smith - Thomson


Illustratore: Bob Harvey


Il secondo titolo dela serie Ninja non delude le aspettative in quanto ambientazione, ma risente abbastanza nella struttura.

Partiamo con ordine.Dopo aver ucciso Yaemon e aver ricevuto un' apparizione del Dio Kwon che ci ha rigenerato e fatto dono di un' abilità in piu', dobbiamo scappare e ritornare nell'isola Mistica dei Sogni Tranquilli. Dove ricollocheremo le pergamene di Kettsuin al loro posto.

Semplice no? Per niente. Il viaggio sarà irto di pericoli e nemici che ce la vorranno far pagare. Nemici umani, ma anche Goblin e mostri non particolarmente gradevoli.Se poi abbiamo finito gli Shuriken nel libro precedente, ci vorrà un bel po' per trovarne altri e questo sarà un ulteriore svantaggio.

Il viaggio si presenta accattivante, avventuroso e sopratutto emozionante.Ma il difetto che salta all'occhio è che se non si prende la corretta via ,le altre obbligano il giocatore ad aver trovato particolari oggetti ( esempio il pugnale di Cassandra) per poter continuare. E se non li abbiamo finiamo male..... Pertanto il campo delle scelte si restringe parecchio.

I combattimenti non sono sempre proporzionati, sopratutto quello con il ninja in cui basta poco per concludere l' avventura a pochi paragrafi dalla fine.

Un consiglio è di valutare attentamente ogni singola azione, se aiutare qualcuno, oppure se utilizzare o no le armi che si possiedono contro particolari mostri. Non è detto che una mossa sia meno efficace di uno shuriken o l' incontrario. Mentre nel primo volume sbagliare azione non comportava un precoce fallimento qui accade esattamente l'opposto.Pertanto regolatevi.

L' aspetto grafico è eccellente come nel primo volume.

In definitiva meriterebbe un 9 ma purtroppo si scende a 7 per difetti strutturali.


Interattività (cioè quanto il LG sfrutta le potenzialità a sua disposizione): 7
Stile di scrittura (quanto l'autore sa coinvolgere per qualità letteraria): 7
Ambientazione (quanto l'autore sa coinvolgere per la ricchezza dei luoghi e dei fatti): 9
Bilanciamento (equilibrio tra le regole e l'effettiva difficoltà): 7
Grafica: 8
Voto complessivo: 7

Difficoltà: media/alta



Pensate che sia facile batterlo? Vi sbagliate di grosso...

Inviata da: Gurgaz il 4/11/2007
Valutazione generale: Valutazioni di categoria: 7 7
Descrizione
     Titolo originale: Assassin!
Autori: Mark Smith e Jamie Thomson
Anno: 1985
Illustrazioni: Bob Harvey
Copertina: Danny Flinn
Traduzione italiana: Albachiara Leo (1991)

Di solito un librogame termina quando il protagonista ha raggiunto il suo obiettivo ed è sopravvissuto per raccontare la sua storia. Invece Vendicatore! aveva interrotto l’avventura con l’apparizione di Kwon, ma la fuga del ninja dal Torrione del Quench Heart è ancora tutta da definire. Il secondo episodio della serie inizia proprio con questa rocambolesca evasione.

Assassino! narra il travagliato ritorno di Vendicatore all’Isola Mistica dei Sogni Tranquilli, dove i monaci di Kwon attendono le preziose Pergamene di Kettsuin. Purtroppo, nel precedente capitolo abbiamo pestato i piedi a troppe potenti confraternite e sconvolto i piani di alcune malvagie entità, quindi non c’è da stupirsi se il viaggio è costellato di pericoli ed agguati mortali. I luoghi da visitare sono molti, come sempre, e c’è anche la possibilità di variare i percorsi: si può scegliere di dirigersi verso le Caverne dei Goblin o le profondità del Mar della Stella, mentre a metà strada si potrà proseguire per Ulrik’s Haven o Wargrave Abbas. Le uniche tappe obbligate sono la città di Harith, in cui ha luogo lo scontro con i compagni del defunto barbaro Olvar, e l’Isola di Lemné, uno dei numerosi adattamenti fantasy del Giappone medioevale. Nonostante la sontuosa ospitalità dello Shogun Kiyamo, il nostro ninja non troverà rifugio sicuro nemmeno nel suo palazzo...

Il titolo di quest’opera non sembra riferirsi al protagonista, il cui compito non è ammazzare qualcuno, bensì sopravvivere alle insidie nascoste tra le pagine. Esiste tuttavia un percorso in cui si deve assassinare un potente personaggio di Lemné, avversario di Kiyamo, ma purtroppo non si tratta di un passaggio obbligato e secondo me non giustifica il titolo. C’è una discreta incidenza di morti immediate, alcune piuttosto irritanti, ed una generale tendenza allo sbilanciamento dei combattimenti, soprattutto quelli inevitabili contro il Barbaro zombi o contro Mardolh, Figlio di Nil. Nemmeno con tutti i bonus presenti si può avere la certezza matematica di vincere, poiché i dadi sono sempre pronti a decretare la precoce sconfitta di Vendicatore.

Al di là di questi problemi strutturali, il librogame risulta bello ed avvincente quasi come il primo, ricco di eventi interessanti e colpi di scena. La prosa è ancora ben equilibrata tra sintesi e dettaglio, per cui non c’è alcun pericolo di annoiarsi. Morire così facilmente spinge il lettore a tentare le altre strade, tutte ugualmente divertenti e costellate di micidiali pericoli. Non esiste però un percorso preferenziale: l’avventura è difficile perché i combattimenti sono estremamente rischiosi, a meno che la sorte non giri sempre dalla parte del giocatore.

Ci sono molti elementi comuni con Vendicatore!, per esempio i gustosi disegni di Bob Harvey, eppure Assassino! non soddisfa allo stesso modo a causa dell’eccessiva difficoltà nel completarlo onestamente. Credo che qualsiasi giocatore, dopo essere molto 4 volte nel medesimo combattimento ed aver provato tutte le strade possibili, si senta tentato dal glissare sulle meccaniche di gioco. Io non l’ho fatto e ho dovuto ricominciare il librogame sette volte prima che i dadi risparmiassero il mio normalissimo personaggio fino a destinazione.

Questo episodio è certamente promosso in quanto a contenuti, sfruttamento del formato librogame, scrittura ed ambientazione; purtroppo i difetti di bilanciamento guastano la soddisfazione globale. Va giocato con la consapevolezza che ci vorranno più tentativi, o l’accettazione di un illecito compromesso ludico che a molti può apparire intollerabile: la raffinata arte del baro.

Ambientazione: 8
Stile di scrittura: 9
Bilanciamento: 4
Interattività: 8
Aspetto grafico: 8

Voto complessivo: 7
Difficoltà: alta

Inviata da: EGO il 13/6/2008
Valutazione generale: Valutazioni di categoria: 8 8
Descrizione
     Yaemon, il capo dei monaci della Mantide Scarlatta, è appena stato ucciso da Vendicatore in cima al Torrione del Quench-heart. Il secondo volume di Ninja inizia precisamente là dove finiva il primo, col nostro protagonista che ha sconfitto i tre supermalvagi che tenevano in scacco gli dèi, ma ora deve fare i conti coi loro molto più numerosi seguaci. E’ una lotta impari, e le Pergamene di Kettsuin vanno riportate sull’Isola dei Sogni Tranquilli. La prima cosa da fare per riuscirci è dunque fuggire dal luogo della vittoriosa battaglia…

Assassino! non delude le attese, ed è un ottimo seguito sia narrativo che spirituale per Vendicatore! Durante l’avventura si scoprirà che un certo personaggio incontrato nel viaggio d’andata aveva degli amici potenti e determinati, e saranno proprio questi tre a suggellare la prima parte del libro con un scontro micidiale che è anche un piccolo omaggio ai lettori di Talisman of Death, i quali sicuramente avevano desiderato quest’occasione di rivalsa. Fino a questo punto la missione consisterà principalmente in una fuga disordinata lontano dagli accoliti di Honoric, Manse e Yaemon; scampato questo imminente pericolo si troveranno dei preziosi alleati, ma nonostante ciò ci sono ancora da affrontare due pericolosissimi scontri prima di poter finalmente concludere l’impresa con successo. L’azione è rapida e inarrestabile, sembra che tutto Orb voglia la nostra testa e non c’è un minuto di tregua. Al contrario del primo episodio, Assassino! non è un crescendo continuo verso il climax finale, ma piuttosto una successione di incontri significativi e memorabili, con personaggi sia amichevoli che ostili che giocheranno dei ruoli importanti anche nelle avventure successive, sia sul piano del racconto che su quello del gioco. Al termine di Assassino! si chiude un ciclo, ma se ne sono già aperti molti altri grazie ad un’avventura estremamente ricca di eventi e ancora una volta totalmente esaustiva nei confronti di ciò che il regolamento offre e permette: tutte le possibili capacità dell’Arte della Tigre vengono impiegate a buon frutto, i combattimenti sono estremamente variegati e saper valutare attentamente la situazione è importante quanto scegliere la giusta mossa d’attacco.

Ciò che rende questo secondo volume inferiore al primo è la minore malleabilità delle scelte. In Vendicatore!, bene o male, se si decideva di andare in una certa direzione si poteva intuire che cosa c’era da aspettarsi, o comunque si aveva sempre la possibilità di arrivare alla meta, tra l’altro guadagnando qualcosa durante il cammino. In questo caso, invece, il margine d’errore è molto più ristretto e l’equilibrio di gioco è stato spostato decisamente verso uno dei due sentieri possibili ad ogni bivio, e se non si profila un vero e proprio true path, ci andiamo vicini; inoltre, il gioco tende a essere piuttosto pesante in termini di perdite di Resistenza. Già solo la fuga dal Torrione è di una difficoltà notevole: se non si va incontro ad un lancio di dadi che può ucciderci sul colpo ci sono comunque ottime probabilità di uscire dall’esperienza piuttosto malconci, e come abbiamo visto a metà dell’avventura c’è un combattimento importante, un po’ troppo difficile considerate le risorse a disposizione; lo si può facilitare grazie a un oggetto, ma per trovare quest’oggetto bisogna seguire - e senza il minimo errore - la strada meno bella delle due che conducono qui. Nella seconda parte gli attentati alla Resistenza sono meno imponenti ma è veramente impensabile sbagliare una singola scelta, perché le morti istantanee abbondano. Anche se il libro è incredibilmente spettacolare, prima di poterlo terminare con successo bisogna praticamente assimilarne ogni momento a memoria e accettare il fatto che certe capacità, come l’Intercettazione dei proiettili, sono talmente vantaggiose che farne a meno è un atto di suicidio. Assassino! è un librogame molto più rigido e inclemente del suo predecessore, e il divertimento ne risente in qualche misura.

Assassino! rimane però, nonostante l’evidente difetto della difficoltà non perfettamente calibrata, un librogame di alto livello, entusiasmante, che offre continuamente stimoli e non permette mai di annoiarsi. Inoltre la difficoltà non è mai un impedimento totale al completamento dell’avventura: anche scegliendo le strade meno comode si può comunque arrivare alla fine, pur dovendo penare un po’ di più. Direi quindi che il secondo volume di Ninja è un altro successo per Smith e Thomson, che evidentemente si sono trovati in un certo imbarazzo dovendo dare seguito alla perfezione di Vendicatore! ma non si sono fatti intimorire più di tanto, realizzando un sequel coi fiocchi.



ERRATA CORRIGE
304: la Difesa dell’avversario è 6.

Informa un amico | Segnala link interrotto

Pubblicità Recensioni
copyright (c) 2006-2007 IMDL All right reserved